NORDIC WALKING


Anche questa proposta viene da Nino Santanzelmo e, in attesa dei futuri proseliti che
potrà avere questa disciplina, leggiamo l’esauriente spiegazione che Nino ci fornisce sul “Nordic
Walking”: Negli ultimi tempi vi sarà certamente capitato di vedere camminare delle persone con
passo deciso, ma al contempo morbido ed elegante, impugnando dei bastoncini e vi sarete
chiesti il motivo per cui queste persone si dessero un gran da fare a spingere su dei bastoncini.
Dovreste provare a chiederlo ad uno dei moltissimi walkers che ormai, usciti dai numerosi corsi,
praticano un buon nordik walking e, senza dubbio, vi risponderebbero sorridendo: “prendi un paio di bastoncini e vieni con noi, così capirai…”; per quale motivo, dunque, non attrezzarsi e provare?
Ci serve un buon paio di scarpe con punta rinforzata, tallone rinforzato e stondato e che
abbiano una suola con un buon “grip”, un abbigliamento comodo ed a “cipolla”, un paio di bastoncini
adatti a questa attività, quindi, cerchiamo di capire di cosa esattamente si tratta.
Innanzitutto il nordic walking si basa sulla tecnica biomeccanicamente corretta del cammino,
naturale e dinamico. Ad essa si aggiungono l’utilizzo dei bastoncini (appositamente sviluppati per il
nordic walking) e la tecnica dello sci di fondo (tecnica classica leggermente modificata) attraverso
movimenti naturali, fluidi e senza controindicazioni.
Attivando i muscoli del tronco per completare i movimenti e per creare stabilità e un corretto
allineamento del corpo, si ottiene un allenamento completo, sano, sicuro e naturale.
Il Nordic Walking, è, anche in Italia, una materia universitaria: dall’8 al 22 Maggio 2007 si è
svolto presso la facoltà di scienze motorie dell’Università di Verona il primo corso “Tecnica e didattica
del Nordic Walking” per gli studenti del corso di laurea triennale. Il corso è stato proposto dal prof.
Federico Schena, della stessa Università e dai Coach ANWI (Associazione Nordic Walking Italia)
dott. Tiina Arrankoski e dott. Tuomo Kettunen.
Qui di seguito, alcune reali motivazioni: sul Nordic Walking:
• È più efficace del 40% rispetto al Walking senza bastoncini.
• Aumenta il consumo energetico in virtù del grande coinvolgimento muscolare (85 % della
muscolatura corporea, vale a dire circa 600 muscoli).
• Alleggerisce il carico sull’apparato motorio durante il movimento salvaguardando maggiormente
le articolazioni di caviglie, ginocchia e colonna vertebrale.
• Grazie al coinvolgimento attivo della muscolatura ausiliaria dell’apparato respiratorio, incrementa
l’ossigenazione dell’intero organismo.
• Mantiene in esercizio quattro delle cinque forme principali di qualità fisiche o condizionali:
resistenza, forza, mobilità, coordinazione
• Scioglie le contrazioni nella zona delle spalle e della nuca.
• Ritarda il processo d’invecchiamento ed economizza il lavoro del cuore.
• Rinforza il sistema immunitario e stimola l’eliminazione degli ormoni originati dallo stress.
Questo è il Nordik Walking. Se poi aggiungiamo che per praticarlo non occorrono impianti,
piste, attrezzature costose o abbigliamento firmato, ma unicamente tanta voglia di respirare aria pulita
in rilassatezza e che si può fare in tutte le stagioni e su qualsiasi terreno, perché non provare?
A Nino, “corifeo” di questa disciplina, lasciamo l’oneroso compito di organizzare un eventuale
corso.

 

 
 

Questo sito è stato aggiornato il 26 Febbraio 2009
Tutte le informazioni qui contenute sono di proprietà del Club Alpino Italiano, Sezione di Sarzana,
Piazza Firmafede n° 13 - 19038 Sarzana (SP) - Italy.